[vc_row td_section_title_color=”#44403f” td_background=”color” td_width=”1″ td_color=”#ffffff”][vc_column]

[/vc_column][/vc_row][vc_row td_section_title_color=”#44403f” td_background=”color” td_width=”1″ td_color=”#ffffff”][vc_column width=”3/4″][vc_column_text]

50Lire

“A quei tempi bisognava esse artisti pe fa quel lavoro“
La drammaturgia dello spettacolo è costruita a partire dai racconti dei soci-operai che tuttora vivono a Civita Castellana. Durante il percorso teatrale prendono corpo le voci dei protagonisti tra racconto diretto e indiretto, tra confessioni e narrazioni, mediate e intrecciate all’interno di una partitura fisica e scenica. Il lavoro sulle azioni fisiche parte dallo studio sul ciclo produttivo dei sanitari, dalla manipolazione dell’argilla al modellamento delle ceramiche, dall’impasto delle terre alla stampa delle forme, quando tutto o quasi tutto si faceva con le mani, e di racconto in racconto procede epicamente verso la rappresentazione simbolica di un’epoca, di un sistema economico e produttivo, di un’Italia che non c’è più. L’azione scenica sul palcoscenico si intreccia drammaturgicamente ad alcune proiezioni video che restituiscono i paesaggi, i suoni, i volti delle fabbriche di Civita Castellana.[/vc_column_text][vc_column_text]

[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/4″][vc_column_text]

Crediti

Di e con  Ferdinando Vaselli
Regia Valentina Esposito
Vincitore Premio E.M. Salerno[/vc_column_text]

Share
[/vc_column][/vc_row]